30
Giu
2016
0

LinkedIn: 8 consigli per usarlo in modo efficace

Con 400 milioni di utenti iscritti (8 dei quali sono italiani) LinkedIn è il social network professionale per eccellenza.
È uno strumento utile per trovare lavoro ma anche per creare nuove connessioni nel mondo del business e migliorare la propria reputation online.

Come ogni social, però, ha le sue regole: fare un copia incolla del curriculum vitae è poco produttivo mentre utilizzarlo alla stregua di Facebook è controproducente.

Ecco, allora, 8 consigli per sfruttare al meglio il tuo profilo LinkedIn:

1. Scegli una foto profilo adatta

Anche i più timidi devono rassegnarsi: su LinkedIn bisogna metterci la faccia. La foto serve a darti credibilità, a renderti riconoscibile agli occhi dei tuoi selezionatori o clienti e a salire di posizioni nelle classifiche della piattaforma (l’assenza dell’immagine personale, tra l’altro, ti impedisce di raggiungere il 100% di efficacia).

Ma che foto scegliere? Un primo piano recente e realistico, con un’espressione professionale ed affidabile.

Scegli un’immagine coerente con il tuo ruolo. Se lo ritieni opportuno, fatti scattare una foto professionale, magari indossa anche il completo che useresti per un colloquio di lavoro. Questo non significa che dovrai necessariamente comparire in giacca e cravatta: se sei un istruttore di fitness un outfit più casual è addirittura preferibile.

2. Scrivi un riepilogo efficace

Dopo la foto profilo, il riepilogo di LinkedIn è la sezione più importante. Svolge un ruolo simile alla cara vecchia lettera di presentazione: qui, in poche parole chiare, devi spiegare chi sei, cosa fai, quali sono i tuoi obiettivi.

È un’opportunità in più per far capire anche a chi non svolge la tua mansione quali sono i tuoi skill, che problemi sai risolvere, perché dovrebbe scegliere proprio te.

Alcuni consigli:

  • È sicuramente una buona idea arricchire questa sezione con presentazioni, foto o con il link del tuo sito o del tuo blog;
  • Se hai dei dati verificabili o dei risultati da sfoderare questa è l’occasione giusta per farlo;
  • Non esagerare con la lunghezza (meglio non eccedere i 2000 caratteri) e suddividi il testo in paragrafi per facilitare la lettura.

3. Completa il profilo

Compila tutte le sezioni del tuo profilo: LinkedIn premia chi lo fa.
Nella colonna di destra trovi l’indicatore che ti segnala lo stato di efficacia del tuo profilo: per raggiungere il livello massimo, oltre a completare integralmente la tua pagina, dovrai attivare la tua rete di contatti.

LINKEDIN_EFFICACIA_PROFILO

4. Usa le keyword

Gli head hunter cercano i propri candidati inserendo delle parole chiave nella barra di ricerca di LinkedIn. Lavorare sulle keyword è quindi indispensabile.

Segui questi tre step:

  • Pensa alle parole chiave che definiscono la tua professione;
  • Annotale;
  • Distribuiscile nell’intestazione, nel sommario, nel percorso lavorativo, nelle competenze.

Anche qui vale quanto detto nell’articolo scrivere per il web: non esagerare, scrivi un testo piacevole da leggere, evita una scrittura “robotica” e non perdere di vista il vero destinatario del tuo profilo.

5. Crea il tuo url personalizzato

LinkedIn ti offre la possibilità di personalizzare l’indirizzo del tuo profilo e quindi renderti più facilmente rintracciabile. E allora perché non sfruttarla? Farlo è davvero semplice:

  • Vai sulla tua pagina profilo;
  • Cerca il link che compare sotto la tua foto;
  • Posizionati sulla rotellina;
  • Sostituisci la stringa esistente con un indirizzo più semplice. Ti suggerisco: it.linkedin.com/in/nomecognome.

sara_bertelli_LinkedIn

 

6. Aggiorna le competenze

Su LinkedIn hai la possibilità di inserire le tue competenze e ricevere la conferma da parte di altri contatti.

È un passaggio molto importante: leggendole i recruiter sapranno, a colpo d’occhio, se hai il know how che cercano.

Ecco qualche consiglio per annotarle correttamente:

  • Inserisci esclusivamente competenze importanti per il tuo lavoro o per l’impiego che cerchi;
  • ordinale in base alla loro rilevanza;
  • sii specifico.

7. Estendi la tua rete

Aumentare il numero dei tuoi contatti LinkedIn significa aumentare le possibilità di essere trovati. Non farlo a caso però, i collegamenti di LinkedIn sono molto diversi dagli “amici” di Facebook: privilegia utenti che lavorano nel tuo campo o con interessi professionali affini ai tuoi e invita persone che già conosci (magari anche solo “virtualmente”: potresti, ad esempio, chiedere il collegamento al blogger o all’influencer che segui).

Un’idea per estendere la tua rete? Partecipa in modo attivo ai gruppi rilevanti in base alla tua area di competenza (li trovi usando la funzione “cerca” in cima ad ogni pagina).

Se vuoi aggiungere alla tua rete un contatto che non conosci ricorda di personalizzare il messaggio d’invito: bastano due righe in cui spieghi il motivo che ti ha spinto ad inviare la tua richiesta di collegamento (possono essere le informazioni inserite nel suo profilo o l’ultimo post del suo blog).

8. Sii attivo

È difficile che un cliente o un head hunter incappino nel tuo profilo se non fai mai sentire la tua voce.
Come fare a farti notare?

  • Pubblica i post del tuo blog;
  • Condividi contenuti interessanti per il tuo business;
  • Partecipa attivamente ai gruppi.

linkedin_estendi_collegamenti

Hai altri consigli da condividere? Scrivili qui sotto!

You may also like

web_writing
Scrivere per il web: 8 cose che devi sapere per farlo bene.

Leave a Reply